CARL ROGERS

CARL ROGERS E LA PEDAGOGIA CENTRATA SULLA PERSONA

Carl Rogers

CARL RAMSON ROGERS (1902-1987).

PSICOLOGO STATUNITENSE, FONDATORE DELLA TERAPIA NON DIRETTIVA E NOTO IN TUTTO IL MONDO PER I SUOI STUDI SUL COUNSELING E LA PSICOTERAPIA ALL'INTERNO DELLA CORRENTE UMANISTICA DELLA PSICOLOGIA.

Rogers ha espresso i caratteri fondamentali della sua pedagogia nell’opera “Libertà nell’apprendimento”:

  • Gli esseri umani sono dotati di una naturale tendenza a conoscere, a capire e ad apprendere (motivazione cognitiva).
  • L’apprendimento è veramente significativo quando il “contenuto” è vissuto dallo studente come rilevante per la soddisfazione dei suoi bisogni e la realizzazione delle sue finalità personali.
  • L’apprendimento che implica un cambiamento nella percezione di sé e nei propri atteggiamenti è avvertito come una minaccia e tende a suscitare resistenze.
  • Quando le minacce dall’esterno sono ridotte al minimo, l’apprendimento avviene più facilmente ed efficacemente.
  • L’apprendimento significativo nasce dall’esperienza e dal fare: quando lo studente è parte attiva del processo di insegnamento-apprendimento.
  • L’apprendimento auto-promosso e auto-gestito, quello che coinvolge il sentimento oltre che l’intelletto, è il più duraturo e pervasivo.
  • L’autovalutazione e l’autocritica facilitano molto di più lo sviluppo dell’autonomia, dell’autofiducia e della creatività della valutazione esterna.
  • L’apprendimento più utile nel contesto socio-culturale attuale è quello che riguarda il processo stesso dell’apprendere, l’essere costantemente aperti all’esperienza e integrare il processo del cambiamento.

Rogers centra l’educazione sull’impegno personale e la capacità di iniziativa e auto valutazione dello studente, la congruenza dell’insegnante come persona genuina e reale, la sua capacità di empatia e di facilitazione del processo di maturazione dei suoi studenti, la significatività esistenzialmente verificabile dei contenuti proposti, la soluzione democratica e collaborativa dei problemi.

Sul piano didattico tali principi possono tradursi in sequenze operative coerenti tra loro e realizzate in modo da avere un andamento “processuale”, organico e sinergico.

fonte: Rogers, Freedom to Learn, cap. 7